Con il termine “colangiocarcinoma” si indica un tumore che può colpire la cistifellea (o colecisti, l’organo che produce la bile, necessaria per la digestione) oppure le vie biliari che attraversano il fegato e mettono in comunicazione quest’organo con il pancreas e l’intestino.  FATTORI DI RISCHIOIl fattore di rischio più comune per questo tumore sono i calcoli biliari: al momento della… >>

Paese che vai allergia che trovi. Non sembra essere così per quella all’acaro della polvere,… >>

Occhi arrossati e lacrimosi, palpebre gonfie e fastidio: sono i tratti distintivi della congiuntivite, la… >>

  L’ernia inguinale rientra nel quadro più ampio delle patologie che possono interessare la parete… >>

La prostata è una ghiandola delle dimensioni di una castagna che si trova al di… >>

    +   in più...
+   Centri specialistici: ALLERGOLOGIA E IMMUNOLOGIA
ALLERGOLOGIA E IMMUNOLOGIA
+ingrandisci
ALLERGOLOGIA E IMMUNOLOGIA
+ingrandisci

ALLERGOLOGIA E IMMUNOLOGIA

A volte basta poco: il pelo dei nostri animali domestici, i pollini delle piante durante la fioritura e gli occhi incominciano a lacrimare, il prurito cresce, lo starnuto non perdona.

Le allergie colpiscono sempre più persone, in America e Nord-Europa ne soffre circa il 40% della popolazione.
in Italia il dato si attesta intorno al 20-25% con una maggiore concentrazione al Nord;
solo in Lombardia si stima che siano più di 2 milioni i soggetti allergici.

A Niguarda il Centro di Allergologia e Immunologia se ne prende cura dal 1985.
La struttura è riferimento regionale per le allergopatie e annualmente effettua più di 29.000 test.

L'ATTIVITA' DIAGNOSTICA

L'attività diagnostica è organizzata secondo tre livelli:
  • la prima visita, le prove allergologiche e respiratorie di base sono effettuate negli ambulatori;
  • presso il reparto si eseguono i test di provocazioni con agenti specifici;
  • il ricovero in degenza ordinaria si riserva esclusivamente per i casi più gravi.


  • Che sia di tipo respiratorio, come l'asma, di tipo alimentare o una reazione avversa a farmaci, alla base dell'allergia vi è un'anomalia del sistema immunitario che riconosce come pericolose sostanze in realtà innocue.

    L'attività dell'allergologo è simile a quella di un detective, che partendo dall'evidenza dei sintomi va a ritroso alla caccia del colpevole.
    Ritorna sul "luogo del delitto" provocando, con test di vario genere, iniezioni, inalazioni, ingestione o contatto dermico, l'esposizione ai possibili "indiziati", quindi in base alle reazioni esclude, fiuta e ricostruisce.
    È importante accertarsi che gli effetti avversi siano di origine allergica, circoscrivendo ad una specifica classe di molecole l'allergenicità. Soprattutto nel caso di reazioni ad alimenti: una diagnosi poco scrupolosa porterebbe ad una eliminazione ad ampio spettro di alimenti dalla dieta, provocando seri squilibri nutrizionali.
    Per questo il Centro è uno dei pochi in Italia che effettua (se necessario) tutti i test con alimenti tra cui quelli con alimenti freschi e quelli di provocazione.

    L'asma è la manifestazione allergica più diffusa, in Italia ne soffrono circa 5 milioni di persone, e la sua incidenza è in continuo aumento tra i più piccoli.
    Per la diagnosi oltre al test di provocazione con metacolina, una sostanza broncocostrittrice, si effettuano esami quantitativi come la spirometria e dosaggi qualitativi per la misurazione dei gas espirati.
    In particolare nel Centro viene eseguito il dosaggio dell'ossido nitrico, un marker d'infiammazione il cui aumento nell'espirato è solitamente associato ad una possibile patologia di tipo asmatico.

    VACCINI

    Polline di betulle, graminacee o ambrosia, trovato allergene che scatena la reazione respiratoria in alcuni casi è possibile vaccinarsi. Affinché la copertura sia efficace e duratura è necessario ripetere il vaccino stagionalmente da un minimo di 3 ad un massimo di 5 anni.
    Quello di Niguarda, inoltre, è uno dei pochi centri a Milano ad effettuare il vaccino per la protezione contro la reazione allergica (shock anafilattico) scatenata dalle puntire di insetti quali vespe, api o calabroni.

    I NUMERI DEL CENTRO

  • 1985: Riconoscimento da parte della Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia di un Centro di Alta Specializzazione per l'Allergologia;
  • 1995: Designazione di Centro Regionale di Riferimento per le allergopatie.
  • 29.000: i test eseguiti nell'ultimo anno;
  • 3: i livelli di attività diagnostica, organizzata in ambulatori ospedalieri, reparto di Allergologia e ricovero in degenza ordinaria.


  • Per Info:
    Allergologia e Immunologia

    ultimo aggiornamento: 31-05-2013
    Ufficio comunicazione
    info@ospedaleniguarda.it