Esami di laboratorio

Esame/Analisi: CISTINA
Sigla e sinonimi:

INFORMAZIONI PER PAZIENTI

Significato diagnostico

La cistina è l'aminoacido a più alto peso molecolare e si caratterizza per l'alto contenuto in zolfo (27%) superiore a tutti gli aminoacidi solforati.
Non esiste un definito fabbisogno giornaliero di cistina nell'uomo, ma comunque la cistina è stata proposta in terapia per le affezioni della cheratinizzazione alla dose di 1-1,5 gr. al giorno.
La cistina è abbondante nelle uova e nel latte vaccino.
La cistina si forma per ossidazione dei gruppi -SH liberi della cisteina dando luogo ai ponti disolfurici -S-S molto stabili.
È scarsamente solubile in ambiente acido e quando la sua concentrazione urinaria supera la sua solubilità precipita, sia sotto forma di cristalli che di calcoli.
La cistinuria è un difetto ereditario dei tubuli renali, caratterizzato da un deficit del riassorbimento tubulare renale dell'aminoacido cistina, di cui aumenta l'escrezione urinaria con frequente formazione di calcoli (di cistina) nelle vie urinarie.
Alla formulazione della diagnosi concorrono la sintomatologia clinica, l'eventuale reperto radiografico di calcoli e la positività per alcuni test di laboratorio tra i quali la quantificazione diretta della cistina urinaria mediante HPLC.

Prelievo

Tipo di campione: urina

Referto

Tempi di consegna: 10 giorni
Valori normali donna:

0 - 100

Valori normali uomo:

0 - 100

Unità di misura:

mg/24h

INFORMAZIONI PER OPERATORI

Denominazione (sistema/analisi): 24h U-/CISTINA
Codice interno esame: 944
Codice cupnet: UCIS24
Tipo di provette in uso: contenitore per raccolta 24/h
Quantità minima di campione:

5 mL urina

Metodo: HPLC con rivelatore fluorimetrico
Laboratorio: CNR-Istituto di Fisiologia Clinica