Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

CATARATTA, TANTI INTERVENTI IN UNO

È un po’ come se portassi la macchina a far riparare e il meccanico non solo me la restituisse funzionante, ma addirittura con qualche cavallo in più.
Così a Niguarda chi si sottopone all’intervento di cataratta non solo può risolvere il problema dovuto al cristallino ormai “consumato” e opaco, ma può riacquisire le diottrie che mancavano a causa di un difetto visivo.

 

La parola a Valerio Marino, oculista

 

L’intervento di cataratta consiste nell’asportazione del cristallino attraverso gli ultrasuoni e una sua sostituzione con una lente intraoculare. Recentemente sono state introdotte sul mercato lenti che permettono la correzione dell’astigmatismo, nonché lenti accomodative per la correzione della presbiopia.
Inoltre grazie all’utilizzo di piccole lenti multifocali è possibile correggere contemporaneamente difetti refrattivi sia da lontano che da vicino, permettendo una visione chiara e distinta in tutta la gamma delle lunghezze focali.
A questo si deve aggiungere che l’intervento di cataratta viene effettuato in maniera sempre più miniinvasiva attraverso vie di accesso sempre più piccole: si è passati, infatti, da incisioni di 5,2 mm degli anni scorsi ai 1,8 mm attuali.
Non solo astigmatismo e presbiopia, ma anche miopia e ipermetropia molto elevate, spesso non trattabili con la laserchirurgia, possono essere corrette grazie all’impianto di lenti speciali (le cosiddette lenti fachiche); in questo caso però l’applicazione è davanti al cristallino che non viene né asportato né sostituito.
L’intervento di cataratta  si sta configurando sempre più come un intervento di riabilitazione visiva volto all’eliminazione dei difetti di refrazione.



Il cristallino


Il cristallino è la “lente naturale” dell’occhio, una struttura che, insieme alla cornea, consente di mettere a fuoco i raggi luminosi sulla retina. Ha il compito specifico di variare la distanza focale del sistema ottico, cambiando la propria forma, per adattarlo alla distanza dell’oggetto da mettere a fuoco.



I difetti di refrazione


Miopia: è un vizio refrattivo che non consente di vedere chiaramente da lontano mentre gli oggetti vicini possono essere visti con nitidezza.
Ipermetropia: è un difetto refrattivo molto diffuso che comporta l’impossibilità di mettere a fuoco gli oggetti sia nella visione da vicino sia in quella da lontano
Astigmatismo: l’occhio astigmatico presenta una deformazione della cornea per questo le immagini vengono percepite con margini indistinti.
Presbiopia: è la progressiva riduzione della capacità accomodativa del cristallino causata dall’indurimento della sua struttura.

 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

PATOLOGIE
Cataratta
STRUTTURE SANITARIE
Oculistica