Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Dolore insopportabile? Se si tratta di calcoli alla colecisti…

Dei veri e propri sassolini che possono portare a dolori molto fastidiosi. E’ il quadro tipico dei calcoli che si formano all’interno della colecisti (o cistifellea), un organo che ha le dimensioni di un piccolo sacco in cui si deposita la bile, utile per la digestione dei grassi. Come si formano e come si può intervenire

L’abbiamo chiesto al chirurgo della Chirurgia Generale e dei Trapianti.


I calcoli alla colecisti sono comuni?

È un disturbo che interessa il 15% circa della popolazione con un maggior coinvolgimento del sesso femminile. I calcoli sono costituiti per la maggior parte da colesterolo e si formano perché i componenti della bile, prodotta dal fegato e raccolta nella colecisti, non sono ben proporzionati. Questo porta alla formazione di cristalli che progressivamente diventano calcoli. Le dimensioni possono andare da pochi millimetri fino a 1-2 centimetri.


Che disturbi può dare?

In circa 4 casi su 5 la presenza dei calcoli è asintomatica, ovvero non provoca alcun disturbo e non necessita di trattamenti, eccetto casi particolari. Nella quota rimanente i sintomi classici sono le coliche biliari, episodi di dolore intenso e prolungato nella parte destra dell’addome alto che si estende verso la schiena. Il dolore insorge in genere dopo i pasti e dura qualche ora, associandosi a nausea e a vomito. Sintomi più sfumati possono essere la cattiva digestione (dispepsia) e la pesantezza di stomaco. 


Ci possono essere delle complicanze?

Succede se i calcoli vanno a ostruire i dotti ostacolando il deflusso della bile. Da questa condizione possono poi derivare complicanze importanti come l’infiammazione della colecisti- colecistite acuta o cronica- e in casi particolari del pancreas.


Con la chirurgia come si può interviene?

Si chiama colecistectomia e consiste nell’asportazione della colecisti contenente i calcoli. Oggi la chirurgia laparoscopica permette di evitare l’apertura addominale tradizionale. Così bastano 4 incisioni di alcuni millimetri attraverso le quali vengono introdotti gli strumenti necessari per l’intervento. La colecistectomia laparoscopica richiede l’anestesia generale e comporta in genere una breve degenza postoperatoria, mediamente 1 o 2 giorni.


Ma senza la colecisti, non manca “un pezzo”, come avviene la digestione dopo l’intervento?

Il corpo si adatta perché con l’operazione si fa in modo che la bile passi direttamente dal fegato all’intestino, così che possa continuare a svolgere la sua funzione digestiva dei grassi. 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.