Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Epatite A: le regole della prevenzione

L’epatite A è una malattia infettiva acuta del fegato causata da un virus. Tra i sintomi dell'epatite A più frequenti: nausea, vomito, diarrea, ittero (occhi e cute assumono un colorito giallastro), urine scure, feci chiare, febbre e dolore addominale. Più raramente può invece verificarsi un'insufficienza epatica acuta, evento più comune negli anziani. Ci spiega tutto il Direttore del reparto di Malattie Infettive.

Epatite A e frutti di mare

Il contagio può avvenire tramite il consumo di acqua e cibi contaminati dal virus, come ad esempio molluschi crudi o poco cotti.


Epatite A e frutti di bosco

Alla stessa stregua anche i frutti di bosco surgelati provenienti dai paesi dell’Est: negli ultimi anni in Italia sono stati un serbatoio di contagio. La raccomandazione è quella di consumarli solo se cotti, facendoli bollire a 100 C° per almeno 2 minuti.


Come si trasmette l'epatite A

Il contagio per via sessuale rimane comunque la modalità di trasmissione che negli ultimi anni è divenuta predominante. Tra i soggetti potenzialmente più esposti al rischio i maschi che praticano sesso tra maschi. Esiste, però, un vaccino contro l’epatite A con una buona efficacia: una somministrazione immediata è consigliata alle persone a stretto contatto con i casi affetti (compreso i familiari conviventi) e più in generale a tutti i soggetti più esposti, rientrano in questa categoria anche i tossicodipendenti per l'uso di aghi infetti.


Il vaccino per l'epatite A

Il vaccino richiede 2 somministrazioni a 6 mesi di distanza l’una dall’altra. La vaccinazione si è dimostrata efficace anche nella maggioranza delle persone portatrici dell’infezione da HIV ed è raccomandata in particolare nelle persone affette da epatopatia cronica (per la maggiore probabilità di sviluppare forme gravi), nelle persone con problemi di coagulazione tali da richiedere una terapia a lungo termine con derivati di natura ematica e nelle persone che fanno uso di droga per via endovenosa.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.