Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

ERNIA IATALE Come convivere con un fastidio comune

Si tratta di un disturbo con cui convive il 15% degli Italiani.
L’ernia iatale interessa lo stomaco, che, invece di rimanere al di sotto del diaframma, si sposta verso l’alto, invadendo la zona del torace.
La “breccia” di passaggio è un foro nel diaframma detto iato esofageo. In genere le pareti di questa struttura sono ben aderenti all’esofago. A volte, però, può succedere che questa apertura finisca per rilassarsi o dilatarsi, favorendo la risalita di una piccola parte di stomaco nel torace.

 

I consigli di Aldo Airoldi dell’Epatologia e Gastroenterologia

 

Il problema può essere congenito, altre volte è causato da una perdita di elasticità dei muscoli a livello dello iato oppure può essere la conseguenza di un trauma addominale. Sembra che ad aumentarne il rischio siano soprattutto i naturali processi di invecchiamento dei tessuti e di tutto l’apparato digerente. Giocano contro anche l’obesità, la gravidanza e il meteorismo.
L’ernia iatale può essere asintomatica o dare disturbi legati al reflusso dei succhi gastrici che entrano in contatto con l’esofago.
I fattori che scatenano i sintomi possono essere alcune posizioni e particolari movimenti, come la posizione sdraiata o il piegarsi in avanti.
Bruciore retrosternale, acidità, nausea, vomito, salivazione intensa e tosse, oltre a questi sintomi tipici, il reflusso può causare un’infiammazione cronica della mucosa esofagea che può evolvere nel tempo in una lesione precancerosa.
La terapia si basa sui farmaci che inibiscono la secrezione acida dello stomaco, ma nel caso in cui dai farmaci non si avesse alcun giovamento, in alcuni pazienti selezionati, si può considerare un intervento chirurgico di ricostruzione dello sfintere esofageo.

 

Attenzione a…

- Evitare (o usare con moderazione) le sostanze che aumentano il reflusso degli acidi nell’esofago, come ad esempio: nicotina (sigarette), caffeina, cioccolato, cibi ricchi di grassi, menta e alcool.

- Fare pasti meno sostanziosi e più frequenti e lasciar passare almeno 2 o 3 ore tra il pasto e il momento in cui si va a dormire.

- Evitare di chinarsi, di fare esercizi per gli addominali, di indossare cinture strette o altri indumenti che possono aumentare la pressione sull’addome e provocare il reflusso.

- Se si è in sovrappeso, perdere peso. Anche l’obesità aumenta la pressione sull’addome.

- Nel letto alzare l’appoggio per la testa di circa 20-30 centimetri, mettendo dei cuscini o dei supporti sotto il materasso. Questo permetterà di tenere lontano gli acidi dallo stomaco durante il sonno.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

PATOLOGIE
Ernia iatale
STRUTTURE SANITARIE
Epatologia e gastroenterologia