Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Interventi di chirurgia bariatrica: palloncino gastrico, bendaggio, sleeve, bypass gastrico per trattare l’obesità

 Chirurgia_bariatrica

La chirurgia bariatrica come opzione per intervenire “sull’assetto” del sistema digerente, per ridisegnarlo e per dimagrire in caso di obesità grave: in Italia mediamente ogni anno sono 15.000 gli interventi di chirurgia bariatrica. A Niguarda nel corso degli anni si è strutturato un centro multidisciplinare che di recente ha ricevuto l’accreditamento da parte della SICOB- Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità, che raccoglie l’elenco dei centri di eccellenza per la chirurgia bariatrica. Sono diverse le specialità coinvolte. Ne abbiamo parlato con il Direttore della Chirurgia Generale Oncologica e Mininvasiva.


La chirurgia bariatrica come trattamento per l’obesità, quando?

Tendenzialmente sono due i parametri da tenere in considerazione per l’intervento bariatrico. Il primo, più strettamente numerico, è il cosiddetto indice di massa corporea (IMC), il cui acronimo inglese è BMI. Dietro questa sigla si cela il rapporto tra il proprio peso, espresso in Kg, e il quadrato della propria altezza, espresso, in metri. L’opzione chirurgica si prende in considerazione in caso di grave obesità ovvero nei casi contraddistinti da un BMI maggiore di 40. Il secondo riguarda invece il percorso terapeutico del paziente negli ultimi 5 anni, ovvero se ha intrapreso un percorso dietetico specifico che però non ha portato ad una perdita di peso significativa. Le due condizioni, BMI e tentativi falliti, devono coesistere. In alcuni casi, però, si può pensare all’operazione allo stomaco per dimagrire anche se il BMI inferiore a 40. Questo succede quando l’obesità è accompagnata dalla presenza di altre patologie come ad esempio diabete, ipertensione, apnee notturne, gravi malattie osteo-articolari o cardiopatie importanti.


Palloncino gastrico, bendaggio, sleeve gastrectomy e by pass gastrico

I possibili interventi sono tanti, si va da quelli a minor invasività come il posizionamento di un palloncino gastrico o il posizionamento di un bendaggio gastrico. Gli interventi comunque più efficaci sono la sleeve gastrectomy, intervento di riduzione dello stomaco ed il bypass gastrico (sono quelli praticati a Niguarda). Quest’ultimo è una procedura chirurgica che prevede la creazione di una piccola tasca gastrica in grado di contenere solo una piccola quantità di cibo. La tasca gastrica viene completamente separata dal resto dello stomaco e si svuota direttamente in un tratto di intestino tenue, che viene suturato alla tasca stessa. L’intervento inoltre riduce la produzione di alcuni ormoni responsabili della fame ed aumenta invece la produzione di altri in grado di aumentare il senso di sazietà. Si tratta in ogni caso di interventi che vengono condotti con la laparoscopia.


Sleeve gastrectomy: una riduzione dello stomaco per dimagrire, come si realizza?

Con questa procedura si asporta gran parte dello stomaco riducendolo ad un tubo con un diametro di circa 3 centimetri. Questo intervento è una riduzione dello stomaco per dimagrire, infatti in questo modo si raggiunge prima il senso di sazietà e si limita la quantità di cibo ingerito.


L'intervento allo stomaco per dimagrire: come si sceglie?

La decisione viene presa caso per caso. Generalmente l’intervento di bypass gastrico è quello che porta a risultati migliori in termini di perdita di peso e in termini di mantenimento del risultato e sopratutto è di scelta nel paziente bariatrico che presenta copatologie metaboliche come il diabete. Ma ripeto la scelta dell’intervento allo stomaco per dimagrire viene ponderata paziente per paziente. Per farlo abbiamo istituito un percorso ad hoc che raccoglie la grande esperienza maturata dall’équipe della Dietetica e Nutrizione Clinica di Niguarda. Chirurgo bariatrico e nutrizionista si confrontano continuamente sui casi in modo da scegliere l’opzione migliore. Non solo, in staff c’è anche uno psicologo e per i casi che lo richiedono anche uno psichiatria. Ci sono poi gli anestesisti dedicati e gli specialisti della medicina del sonno, perché spesso c’è bisogno di un trattamento preparatorio o in parallelo per le apnee del sonno. C’è poi il contributo di altri specialisti come il cardiologo e lo pneumologo a seconda delle necessità. Insomma cerchiamo di valutare il paziente nella sua globalità, costruendo un’unica rete con tante risposte ai suoi diversi bisogni. Il tutto in un’unica sede.


Quali le tappe del post operatorio della sleeve gastrectomy e degli altri interventi?

Sono comuni, si va dai 3 a 5 giorni di degenza media. Per i pazienti in cui c’è una presenza di più patologie come complicanze respiratorie può essere anche necessaria un’assistenza di circa 24 ore in terapia intensiva. Si tratta però di una minoranza di casi, perché per la maggior parte degli interventi il paziente ritorna a mangiare già nella prima giornata dopo l’operazione. Inizialmente solo con liquidi e alimenti frullati per circa 15 giorni, poi la dieta per la sleeve gastrectomy e bypass ritorna gradualmente alla normalità.    


Come si accede a questo tipo di percorso dedicato alla chirurgia bariatrica a Niguarda?

L’ambulatorio si tiene presso la Dietetica e Nutrizione Clinica e per accedervi occorre prenotarsi anche tramite il numero regionale una volta avuto dal medico curante l’impegnativa per prima visita chirurgia bariatrica, oppure si può accedere con impegnativa compilata dagli specialisti interni all'ospedale.
 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.