INTOSSICAZIONI Emergenze stagionali

Le sostanze tossiche e potenzialmente pericolose sono ovunque:
in casa, sui luoghi di lavoro, ecc…Non solo, ogni stagione si porta dietro una sfilza di pericoli diversi, con veleni e sostanze in alcuni casi anche letali.
Ecco un “piccolo prontuario dei veleni” per tutte le stagioni.


Primavera

Antiparassitari
Con l’arrivo della bella stagione e il risveglio della “natura” s’intensificano le emergenze legate all’attività di disinfestazione dei terreni. Antiparassitari, erbicidi, pesticidi, se utilizzati senza le necessarie protezioni possono provocare intossicazioni sia durante l’utilizzo che la preparazione.
Raccomandazioni
Utilizzare i dispositivi di protezione individuale come:
maschera e guanti, e rispettare le giuste proporzioni di miscelazione.

Erbe
Tutto ciò che è naturale fa bene? Attenzione tra i teneri germogli di madre natura si celano alcuni tra i veleni più letali per l’uomo. Scambiate per piante commestibili possono dare intossicazioni addirittura mortali. Tra i più pericolosi il colchico, la mandragora, il veratro e l’aconito.
Raccomandazioni
Far analizzare il raccolto da un esperto botanico. In caso d’intossicazione chiamare immediatamente il Centro Antiveleni.


Estate

Al mare
I pericoli più frequenti sono i contatti con le meduse e con un altro piccolo abitante marino: il pesce ragno.
Raccomandazioni
In caso di contatto con la medusa, rimanere in acqua e asportare accuratamente le vescicole (nematocisti) che contengono le sostanze urticanti utilizzando l’acqua di mare. Se il lavaggio, infatti, si effettua con acqua “dolce” non si fa altro che peggiorare la situazione favorendo la rottura delle vescicole e quindi l’effetto urticante con conseguente peggioramento di infiammazione e dolore. Una volta usciti applicare ghiaccio e pomate al cortisone. Il veleno del pesce ragno è termolabile, quindi basta tenere la zona interessata in ammollo in acqua calda il più a lungo possibile. In mancanza di acqua va bene anche la sabbia irraggiata dal sole. Dopo di che applicare la pomata al cortisone.

Sui monti
Nelle passeggiate in montagna attenzione alle vipere. Si tratta comunque di animali schivi che mordono assai raramente.
Raccomandazioni
Attenzione ai muri a secco e ai prati esposti al sole, sono tra gli habitat preferiti. Le vipere avvertono le vibrazioni: picchiare con un bastone a terra sarà sufficiente per metterle in fuga. In caso di morso  immobilizzare la zona interessata, come se fosse fratturata, e andare in ospedale. In ospedale si arriva in tempo utile alla somministrazione, se necessario, del siero anti-vipera (non più disponibile nelle farmacie aperte al pubblico, ma solo negli ospedali).


Autunno

Funghi
Anche se il consumo dei funghi non si verifica solo in autunno, ma ormai è presente in tutte le stagioni, sicuramente con settembre aumenta la disponibilità in natura e con questo gli immancabili casi di avvelenamento. Tra le specie più pericolose l’Amanita phalloides e Cortinarius orellanus. Le loro tossine provocano danni irreversibili, rispettivamente, a fegato e reni. Per i casi più gravi il trapianto in tempi rapidi è l’unica alternativa possibile.
Raccomandazioni
Far visionare i funghi ad un esperto micologo: saprà dirvi se sono commestibili oppure no. In caso d’intossicazione chiamare immediatamente il CAV.


Inverno

Monossido di carbonio
Si accedono stufe, riscaldamenti e caminetti, aumentano i casi d’intossicazione da monossido di carbonio.
Questo “gas-killer” si sprigiona dalla combustione di legna e di carbone e in ambienti piccoli senza un’adeguata areazione e può portare a un’intossicazione.
Raccomandazioni
Non utilizzare stufe o caminetti in ambienti con scarsa areazione. Far revisionare periodicamente scaldabagni, caldaie e canne fumarie: se mal funzionanti possono produrre monossido di carbonio. In caso
d’intossicazione allontanare il soggetto dall’ambiente saturo e portarlo immediatamente al pronto soccorso.

 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

STRUTTURE SANITARIE
Centro Antiveleni