Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

La riabilitazione “salva-cuore” per riprendersi dopo l'infarto

Dopo un evento severo come un infarto sono molte le domande che si affollano nella testa del paziente: riuscirò a riprendere la vita di prima? Ci saranno delle limitazioni? Quali precauzioni sono necessarie? 


Dopo l’infarto si può riuscire a riprendere la vita di prima?

Le valutazioni vanno fatte caso per caso, quantificando l’entità dei danni subiti dal cuore. Nella maggior parte dei casi, per fortuna, si può ritornare a fare le stesse attività che si facevano prima dell’infarto: lavoro, attività fisica e tutto il resto. Anzi spesso il ritorno alla “normalità” comporta una svolta in positivo, perché l’evento cardiaco porta il paziente a correggere il suo stile di vita adottando i giusti accorgimenti.


Quali sono questi comportamenti virtuosi “salva-cuore”?

Innanzitutto la terapia farmacologica concordata va seguita scrupolosamente. Alcuni farmaci sono dei veri e propri “salva-vita” soprattutto quando il paziente è stato trattato con l’angioplastica coronarica. Poi c’è l’attenzione ai fattori di rischio: alcuni si possono e quindi si devono abolire del tutto, come il fumo e la sedentarietà. È necessario, poi, adottare una dieta sana e corretta, cercando di ottimizzare il proprio peso corporeo. Infine è fondamentale tenere ben controllati i valori della pressione arteriosa, della glicemia, dell’assetto lipidico -in particolare del colesterolo “cattivo”, cioè la frazione LDL- e controllare lo stress.


Com’è strutturato il percorso riabilitativo?

Qui a Niguarda questo percorso viene gestito ambulatorialmente, quindi il paziente conduce la sua vita normale a casa e viene in Ospedale solo per le sedute riabilitative, cioè 2-3 ore al mattino per circa 4 settimane. La cardio-riabilitazione si basa su tre componenti fondamentali. La prima è una valutazione clinica e strumentale mirata a definire meglio lo stato funzionale del cuore ed il profilo di rischio del paziente. La seconda è l’educazione sanitaria per comprendere la propria malattia e l’importanza della correzione dei fattori di rischio. Il terzo punto è un programma personalizzato di training fisico con esercizi a corpo libero in palestra ed allenamento alla cyclette o al tapis roulant.


Per trattare al meglio tutti questi aspetti c’è bisogno che più professionisti seguano simultaneamente il paziente. Da chi è composta l’équipe?

Oltre al cardiologo, all’infermiere specializzato ed al fisioterapista che seguono quotidianamente il paziente, fanno parte del team lo psicologo ed il nutrizionista. La collaborazione si allarga poi, a seconda delle specifiche necessità, ad altri specialisti come il fisiatra, il diabetologo, l’endocrinologo ed altri.


E’ utile ribadire l’importanza del training fisico che è una vera e propria terapia…

….che però bisogna fare! L’intervento cardio-riabilitativo dopo l’infarto è efficace e può ridurre di circa il 25% la mortalità successiva. È fondamentale però mantenere ciò che si è imparato: per non perdere i benefici acquisiti bastano 30-40 minuti di attività fisica almeno 4 volte la settimana, meglio se tutti i giorni.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.