Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Trapianto di fegato: il primo paziente nell’intesa Lombardia-Liguria e il secondo caso da un donatore a cuore fermo

E’ un paziente di 55 anni ad inaugurare ufficialmente la cooperazione tra le due regioni che permette di portare avanti il programma di trapianti epatici per i cittadini liguri a Niguarda.
Grazie al patto tra le due regioni, infatti, le liste d’attesa per chi aspetta un organo in Liguria sono state mantenute aperte e gli interventi vengono realizzati “in trasferta” nell’ospedale milanese. “E’ una collaborazione importante tra la nostra équipe e quella dell’ospedale San Martino di Genova, dove il paziente è stato seguito per la fasi preparatorie all’intervento - spiega Luciano De Carlis, Direttore della Chirurgia Generale e dei Trapianti -. Una volta avuta la conferma della disponibilità dell’organo, il paziente è stato trasferito qui a Niguarda per essere sottoposto al trapianto. Quando si sarà ristabilito dall’intervento farà ritorno in Liguria e sarà seguito presso il centro genovese per il follow–up successivo”.

Dopo il caso da primato - che lo scorso 3 settembre ha portato Niguarda ad essere il primo centro italiano ad eseguire un trapianto di fegato con un organo prelevato da donatore a cuore non battente - nei giorni scorsi la stessa procedura è stata replicata con successo su un altro paziente.
Anche in questo caso si è proceduto al prelievo dell’organo dopo i 20 minuti di osservazione necessari per confermare l’assenza di attività cardiaca.
Passato questo intervallo - quello che gli addetti ai lavori definiscono come “no touch period”- il donatore è stato collegato al macchinario dedicato alla circolazione extracorporea (ECMO - ExtraCorporeal Membrane Oxygenation) che ha consentito la perfusione e l'ossigenazione post-mortem e in situ degli organi addominali.

“La nostra équipe ha prelevato l’organo dal donatore che è stato seguito al San Raffaele - prosegue De Carlis -. Il fegato è stato poi trapiantato qui a Niguarda. Questo secondo caso a poche settimane dal primo va letto come una precisa intenzione di rendere questo tipo di tecnica sempre più di routine. Il trapianto da donatore a cuore fermo è, infatti, una possibilità concreta, da non trascurare per incidere realmente sui tempi di attesa per chi aspetta un organo”.

Vedi anche:
Niguarda e i trapianti: una lunga storia iniziata nel 1972

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.