Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

TROMBOCITOPENIA IMMUNOLOGICA

La pelle si riempie di lividi: piccole macchie che coprono come un tappeto a pois braccia, gambe, ma talvolta anche i posti più impensabili come i talloni. Tutto per colpa del sistema immunitario che “impazzisce” e attacca le piastrine, distruggendole e rendendo questi soggetti “bambole di cristallo”, così come si era definita una giovane paziente.
Basta infatti poco, pochissimo, per i pazienti affetti da trombocitopenia immunologica (ITP) per provocarsi ecchimosi, sanguinamenti e emorragie gravi, a volte anche fatali.
Si tratta di una malattia caratterizzata da una riduzione delle piastrine, ovvero gli elementi del sangue che favoriscono la coagulazione. La carenza di piastrine è quindi pericolosa perché predispone alle emorragie.

 

Di sicuro l’ITP, che nell’età “di mezzo” (30-60 anni) colpisce più le donne degli uomini, ha un’influenza negativa sulla qualità di vita del malato ed è spesso associata ad affaticamento e depressione, condizionando pesantemente le attività quotidiane. Un individuo sano mostra un numero di piastrine che varia fra le 150 mila e le 400 mila per microlitro di sangue. Al di sotto di questi livelli si è in una condizione di piastrinopenia.
L’incidenza è fortunatamente molto bassa, circa 10 casi ogni 100 mila persone all’anno e in genere la patologia si manifesta in maniera subdola, apparentemente senza alcuna causa scatenante, con una tendenza a cronicizzare.
Nel bambino, invece, compare quasi sempre dopo un’infezione virale e, pur avendo un decorso più acuto, tende ad auto-risolversi. Nella maggior parte dei casi- continua l’ematologa-, i pazienti non presentano alcun sintomo se la conta piastrinica è superiore a 50.000, mentre per valori più bassi possono comparire emorragie nasali, gengivali, lividi e piccole emorragie puntiformi (petecchie) a livello cutaneo, soprattutto alle gambe..

 

Cortisone e asportazione della milza sono le prime cure, ma da poco tempo è disponibile anche un farmaco di ultimissima generazione che stimola la produzione delle piastrine per rendere queste “bambole” un po’ meno fragili. È il primo agente approvato che dimostra la capacità di produrre e mantenere le piastrine ad un livello di sicurezza con una terapia orale. È  indicato in pazienti adulti affetti da ITP cronica a cui hanno tolto la milza (splenectomizzati) e refrattari ad altri trattamenti, ma può essere preso in considerazione come trattamento di seconda linea anche per altri pazienti, non splenectomizzati, precedentemente trattati e per i quali l’intervento chirurgico è controindicato.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

PATOLOGIE
Trombocitopenia
STRUTTURE SANITARIE
Ematologia