Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Tumore al seno: può colpire anche l’uomo

E’ un’eventualità rara, di cui non si parla tanto ma che non è da sottovalutare.
Parliamo di tumore alla mammella nell’uomo e del percorso diagnostico terapeutico messo a punto nel nostro Ospedale, grazie all’apporto dei diversi specialisti che intervengono per curare questa malattia (oncologo, radioterapista, chirurgo plastico, psicologo, gli specialisti della riabilitazione e dell’anatomia patologica).
a strada da seguire è la stessa che si mette in pratica per i casi al femminile, tra le opzioni su cui puntare ci sono la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia, la terapia ormonale e anche i più moderni farmaci a bersaglio molecolare.
 

I segni del tumore al seno maschile sono gli stessi di quello femminile: “Presenza di noduli palpabili o visibili, cambiamenti nella forma o arrossamenti del capezzolo - indica il chirurgo Ivano Sironi -. Raramente a questi sintomi si accompagna anche il dolore. Dal punto di vista della diagnosi precoce, per gli uomini non esistono screening specifici come la mammografia che permettono di identificare il tumore nelle sue fasi iniziali. Tuttavia è più semplice scoprire la presenza di un nodulo mammario in un uomo che in una donna, visto che la quantità di tessuto lobulare e adiposo è molto scarsa nel seno maschile”.
Nonostante questo, però, spesso gli uomini si accorgono di avere un tumore quando la malattia è già in fase avanzata, perché scorrettamente si crede che il tumore del seno sia una malattia che non può interessare gli uomini.
Per questo bisognerebbe puntare di più su autopalpazione e controlli anche nei maschi.


Con l'avanzare dell'età aumenta anche nell'uomo il rischio di tumore del seno.  Quando la malattia colpisce un paziente giovane, si può pensare a fattori di rischio di tipo ereditario o genetico, così la presenza di casi di tumore al seno in familiari molto stretti può essere letto come un campanello d'allarme.
A livello genetico, sono molto importanti le mutazioni presenti nel gene BRCA2, responsabili del 10% circa dei tumori mammari maschili, mentre quelle nel gene BRCA1 sembrano essere meno legate all'aumento del rischio - spiega l’oncologa Emiliana Tarenzi -”.


Il tumore del seno è una delle neoplasie più diffuse tra le donne (colpisce 1 donna su 8), ma nell'uomo è molto raro.
'incidenza sta tuttavia lievemente aumentando, come per la donna, e l'età più a rischio resta quella tra i 60 e i 70 anni. Il Registro nazionale tumori italiano segnala circa 400 nuovi casi ogni anno.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.