Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

“Dopo il delicato intervento il cuore della piccola viene rimesso in sesto e la fa rinascere per la seconda volta. Per questo festeggiamo 2 compleanni: il giorno in cui è nata e quello dell'operazione.”

Trasposizione delle grandi arterie: la storia di Sara

A pochi minuti dal taglio del cordone ombelicale ci si accorge che qualcosa non va: la piccola Sara è completamente blu. Non c’è tempo da perdere: viene trasferita con un’ambulanza a Niguarda. La piccola combatte tra la vita e la morte in Terapia Intensiva Neonatale, per colpa della grave cardiopatia. Sono giorni d’angoscia per i genitori e non ci sono certezze sul futuro della piccola. Poi finalmente il delicato intervento che le rimette in sesto il cuore e la fa nascere per una seconda volta. Ci ha raccontato la sua storia mamma Nadia.


Dopo la nascita della bambina la cardiopatia è arrivata come un fulmine a ciel sereno…

Sì, durante la gravidanza avevo fatto tutti gli esami ma da questi accertamenti non risultava nulla che potesse far sospettare la malattia di mia figlia. Sara è nata con un parto cesareo programmato a termine di gravidanza, ma mentre la stavano lavando il mio compagno si è accorto che il suo colore non era normale: era completamente blu. La situazione era grave, non si capiva cosa fosse e così Sara è stata trasportata con l’ambulanza a Niguarda. La cosa è stata talmente repentina che io non ho potuto neanche vederla dopo il parto.


C’era da intervenire subito, che cosa è stato fatto?

Già sull’ambulanza le hanno somministrato dei farmaci che poi ci è stato spiegato essere delle terapie d’emergenza per favorire l’ossigenazione del sangue. Appena giunta in ospedale è stato necessario sottoporla ad una procedura specifica: le è stato inserito un piccolo catetere nella vena femorale. Con questo dispositivo si è risaliti fino al cuore per praticare una piccola apertura che le ha consentito di sopravvivere a quella che poi ci è stata confermata essere la trasposizione delle grandi arterie.


Tutto nel giro di pochissimo tempo?

Sì, nel giro di 4 ore dalla nascita. Faccia conto che io l’ho vista solo per qualche secondo prima che fosse caricata sull’ambulanza e poi l’ho ritrovata intubata nell’incubatrice della Terapia Intensiva Neonatale a lottare per rimanere aggrappata alla vita. Non è stato facile, sono stati giorni carichi di angoscia.


Cosa vi è stato detto?

C’era bisogno di tenere la situazione sotto stretto controllo, non si poteva escludere il peggio. C’era da aspettare che le condizioni si stabilizzassero e che il peso della bambina aumentasse per poter operare il suo cuore.


Si trattava di un intervento delicato…

Molto. I medici ci dissero che la procedura si praticava da molti anni, ma ogni bambino è un caso a sé: purtroppo non si potevano escludere imprevisti che potevano mettere a rischio la vita di mia figlia. E’ stata davvero dura. Due genitori non riescono a realizzare che a pochi giorni dalla nascita della loro bimba c’è la possibilità che la si possa perdere. Sono situazioni che non si conoscono, a cui non si pensa e che ti travolgono inaspettatamente. Per fortuna Sara ha lottato e dopo 11 giorni in terapia intensiva è arrivato il giorno dell’intervento.


Cosa ricorda?

Sono state 9 ore interminabili. Ricordo io e il mio compagno in una stanza sospesi nel tempo ad aspettare che si aprisse la porta della sala operatoria. Quando finalmente si è aperta ricordo il sorriso dei medici e degli infermieri. Era andato tutto bene e bisognava solo monitorare il post-operatorio per altre 48 ore in terapia intensiva.


E’ stata una rinascita?

Sì, per noi è come se fosse nata per la seconda volta, infatti ogni anno festeggiamo due compleanni: il giorno in cui è nata e quello dell’operazione. Devo dire grazie a tutti gli specialisti di Niguarda, medici e infermieri. Sono stati tutti magnifici. Oggi Sara sta bene, è una bella bambina di 4 anni e vedendola crescere ricordo quei giorni bui in Terapia Intensiva Neonatale. So che ogni giorno in quel reparto ci sono tanti genitori che si ritrovano faccia a faccia con la disperazione. Vorrei che la nostra storia potesse infondere speranza anche a loro.