Oncologia Falck

Dipartimento ematologia ed oncologia
DIRETTORE: SIENA Salvatore
CAPOSALA: Di Rosa Bartolomeo (ambulatorio), Marino Elena (degenza), Torretta Monica (day hospital)

STAFF: AMATU Alessio,  BENCARDINO Katia Bruna,  BONAZZINA Erica Francesca,  BURRAFATO Giovanni,  CASSINGENA Andrea,  CEREA Giulio,  CIPANI Tiziana,  FUNAIOLI Chiara,  GAMBI Valentina,  GHEZZI Silvia,  GIANNETTA Laura,  GIOVANNONI Sara,  MARRAPESE Giovanna,  MARSONI Silvia,  PALMERI Laura,  RICOTTA Riccardo,  SCHIAVETTO Ilaria,  SCHIRRU Michele,  STABILE Stefano,  TARENZI Emiliana

TEL SEGRETERIA: 02 6444.2291
MAIL SEGRETERIA: oncologia@ospedaleniguarda.it

L'Oncologia Falck conduce l’attività di assistenza  e ricerca clinica per la cura dei tumori solidi.

L'itinerario diagnostico-terapeutico si svolge in modo integrato con gli altri Dipartimenti in équipe multidisciplinari integrati nel Niguarda Cancer Center.

È dotata di un settore di degenza posto al terzo piano (fornito anche di un terrazzo accessibile per gli ammalati e i loro familiari o accompagnatori) e di un settore di cure ambulatoriali e di visite e controlli al piano terra, tutto nel Blocco Sud.

Collabora anche con il Centro Sterilità di Niguarda per la crioconservazione dei gameti in modo da garantire una chance riproduttiva alle persone in cui la possibilità di avere figli è minacciata dalla malattia oncologica o dalle terapie.

E' sede d’insegnamento della Cattedra di Oncologia Medica e della Scuola di Medicina e della scuola di specializzazione in Oncologia dell'Università degli Studi di Milano.
 

 

Principali patologie trattate:

Vengono seguiti, con modalità multidisciplinare, tutti i tipi di tumore solido, e in particolare dell'apparato digerente (colon, retto, stomaco, esofago) e pancreato-epato-biliare (pancreas, vie biliari), del polmone, della mammella, dell'ovaio, dell'utero, della testa-collo, i sarcomi e i tumori a sede primitiva ignota.

Si occupa anche di patologie oncologiche a più bassa diffusione come i tumori del rinofaringe, del testicolo e germinali dei tumori neuroendocrini.

Collabora con la Genetica Medica per la diagnosi e cura della Sindrome di Lynch.
 

 

Tecnologie:

La cura medica dei tumori solidi si avvale, attraverso la modalità di lavoro multidisciplinare, di tecniche diagnostiche di alto profilo tecnologico sia strumentali, come la diagnostica radiologica avanzata, nucleare integrata, sia sotto l’aspetto delle indagini di laboratorio, con diagnostica molecolare per terapie sempre più personalizzate (tra le alterazioni genomiche più analizzate quelle di BRAF, RAS e  Stato di MMR ed anche l’amplificazione di Her2 per i tumori del colon-retto, mutazioni EGFR e alterazioni di ALK e ROS1 per i tumori del polmone, l’amplificazione di Her2 per i tumori della mammella e dello stomaco).

 

 

Linee di ricerca:

La struttura ha una consolidata esperienza nell'innovazione terapeutica: presso il centro vengono condotte sperimentazioni cliniche di farmaci a bersaglio molecolare per i tumori dell'apparato respiratorio, gastroenterico e genito-urinario. Riceve finanziamenti per la ricerca oncologica e per il miglioramento dell'assistenza dall'Associazione Italiana Ricerca Cancro (AIRC), dalla European Commission CORDIS 7th Framework Program, da Horizon 2020, dal Ministero della Salute, da Regione Lombardia e dalla Fondazione Oncologia Niguarda Onlus.
E' attivo il Progetto di Ricerca AIRC 5 per mille 2010-2015 " Targeting resistances to molecular therapies in metastatic colorectal carcinomas ", finanziato da AIRC (Associazione Italiana Ricerca Cancro), condotto in collaborazione con IRCC (Istituto Ricerca Cura Cancro), Candiolo, Torino.

E’ in corso il progetto di ricerca “MoTriColor” per il tumore del colon-retto finanziato dalla Commissione Europea e che collega 10 centri di eccellenza con l'obiettivo di trovare terapie molecolari di nuova generazione.  MoTriColor rientra nell’ambito di Horizon 2020, il più grande programma improntato all’innovazione e alla ricerca stanziato dalla Commissione Europea.

Il reparto è certificato per la conduzione di sperimentazioni cliniche di Fase I secondo determina AIFA 809/2015. Vengono effettuate sperimentazioni cliniche farmacologiche di Fase I  e II in ambito oncologico ed ematologico su pazienti adulti. 
 



 

 

VEDI ANCHE

NEWS
Risonanza magnetica mammaria e tumore al seno: quando è necessaria? Con la cardioncologia terapie a misura di cuore Tumore del retto: la chirurgia robotica Contributo economico per acquisto parrucca Immunoterapia oncologica, il punto con il Professor Siena Effetti collaterali della chemioterapia e delle altre terapie mediche oncologiche: come gestirli? Ricostruzione immediata del seno dopo la mastectomia Tumore dell’ovaio Test genetici per il tumore al seno: quando sono utili? Dalla ricerca italiana entrectinib: farmaco di grande efficacia e tollerabilità selettivo contro diversi tumori Salvatore Siena è Highly Cited Researcher 2016 secondo Thomson Reuters Il Niguarda Cancer Center nella rete nazionale sui percorsi oncologici Fondazione Oncologia Niguarda Onlus pensa gli specialisti di domani Tumore alla prostata Una nano-cura per il tumore del pancreas Tumore al colon retto Tumore al testicolo: l'importanza dell'autopalpazione Tumore dell'endometrio Tumore del fegato: come si tratta? Mi chiamo Ciko e sono pet therapist in Hospice I protagonisti della ricerca made in Niguarda: Erica Francesca Bonazzina I protagonisti della ricerca made in Niguarda: Andrea Cassingena Cancro al colon: contro il big killer nuova promettente cura Cure domiciliari oncologiche: un ambulatorio in più Rischio amianto e tumore della pleura Il giardino dell'oncologia Tumore al seno: percorso di diagnosi e cura Biopsia liquida e tumori: un prelievo di sangue per impostare la terapia giusta Carcinoma renale Rete di ricerca europea per la terapia molecolare dei tumori: noi ci siamo Tumore allo stomaco: come si interviene La prevenzione del tumore alla cervice Tumore al seno: può colpire anche l’uomo Tumore al colon retto: uno studio Niguarda - Candiolo su Nature Medicine Al congresso mondiale di Chicago accolti con successo i risultati della sperimentazione italiana per il tumore del colon-retto. Tumore al colon retto: raggiunto l’obiettivo dello studio HERACLES

SEDE E ORARI

Oncologia - Degenza

Oncologia - Ambulatorio

Oncologia - Day Hospital