Inviti ad eventi sponsorizzati

In ottemperanza alle Linee Guida in Materia di Sponsorizzazioni emanate dalla DG Welfare Regione Lombardia, si invitano i Provider/Segreterie Organizzative ad esprimere gli inviti diretti ai nostri professionisti agli eventi sponsorizzati in qualità di discente, esclusivamente attraverso questa piattaforma. Gli inviti non possono essere formulati dalle Ditte Sponsorizzatrici.

Effettua il login..>> Richiedi credenziali (Primo accesso)..>>

Per informazioni rivolgersi a:
Ufficio Formazione
formazione@ospedaleniguarda.it

Fiocchi in ospedale - Save the children

Associazione di volontariato attivo

SEDE c/o NIGUARDA:

Area Nord, Blocco Nord, Settore B, 2° piano
Area Nord, Pad 16, 1° piano

 

Area Nord, Blocco Nord, Settore B, 2° piano (sportello accoglienza)Area Nord, Pad 16, 1° piano (stanza attività e Gruppo Mamme)



ORARIO

Blocco Nord: lunedì - venerdì  9.00 - 15.00
Pad. 16: mercoledì 10.30 - 12.00


 

 



Sito Web: http://​www.mitades.it
Email: fiocchi@mitades.it
Telefono: 392.6914255 02.6444.7243
ATTIVITA'

"Uno spazio di ascolto e accoglienza per accompagnare le coppie durante la gravidanza e nei primi mesi di vita dei loro bambini".



Il servizio offerto prevede:

- attività di incontro e confronto tra quasi genitori e neogenitori

- attività di consulenza ed incontri tematici sulla genitorialità

- sostegno alle famiglie in difficoltà (sociale, emotiva, psicologica, consulenza informativa sui servizi sociosanitari presenti sul territorio)

- spazio allattamento, pesata e cambio"



Uno sportello per sostenere le neo-mamme in difficoltà



E’ un progetto importante, quello che ha preso il via lo scorso novembre a Niguarda. Si chiama “Fiocchi in Ospedale” ed è un’iniziativa “firmata” Save the Children per dare una mano alle neo-mamme e ai neo-papà. La nascita di un figlio è, infatti, un evento che come tutti i grandi cambiamenti può portare ad ansia, preoccupazione, senso di inadeguatezza, soprattutto in quei contesti in cui la genitorialità può essere più vulnerabile a causa di un disagio.

Il progetto, reso possibile grazie a Gallerie Commerciali Italia, ha preso il via al Niguarda e al Policlinico di Bari - ci spiega Laura Anzideo, coordinatrice per Save the Children dell’iniziativa nell’ospedale milanese - e intende intervenire per supportare i servizi già attivi sul territorio per sostenere le neo-mamme e i neo-papà, che affrontano problemi quali la povertà, la solitudine, la depressione, la scarsa conoscenza delle cure genitoriali”.

I fiocchi al Niguarda “hanno le sembianze” di una piccola stanza, nel cuore del Dipartimento Materno-Infantile, di pochi metri per altrettanti: uno spazio ristretto, ma confortevole in cui le mamme possono trovare un punto di ascolto per le loro difficoltà, uno sportello a cui chiedere informazioni, oppure una semplice, ma altrettanto fondamentale, area per allattare il piccolo. Ad accoglierle ci sono gli educatori e gli operatori sociali dell’Associazione di Promozione Sociale Mitades, che con Save the Children porta avanti il progetto al Niguarda.

L’idea - ci dice Silvia Baldini, Presidente Mitades - è quella di uno sportello socio-educativo nell’ospedale per favorire l’inserimento nel percorso-nascita. Spesso ci troviamo davanti giovani coppie o giovani famiglie e l’obiettivo è quello di fornire loro servizi che possano sostenerli dal punto di vista psicologico e dal punto di vista educativo. Spesso, poi, chi si rivolge a noi lo fa per avere un sostegno materiale o una consulenza legale, come nel caso delle donne immigrate, spaesate dalle numerose pratiche burocratiche che le aspettano dopo la nascita del bambino”.

Per aiutare è necessario creare un contatto, ascoltare e dare una mano anche indirizzando e consigliando i servizi ad hoc sul territorio, ma anche quelli già presenti in Ospedale dedicati alle neo-mamme. “Conoscersi per fare rete”, ma tra le parole d’ordine del progetto c’è anche “condividere e partecipare”: sono diverse, infatti, le attività pensate per coinvolgere le mamme in prima persona. “Al pomeriggio ci ritroviamo al padiglione 3 - ci dice Valentina Affettuoso, operatrice sociale del progetto -. Qui a seconda del giorno sono in programma diverse attività, come l’introduzione al massaggio infantile, ma anche letture ed esercizi per imparare a vedere il mondo con gli occhi del bambino, per immedesimarsi con il piccolo e i suoi bisogni già da quando è nella pancia della mamma”. Il percorso in gruppo è molto importante perché aiuta a far emergere con più facilità i veri bisogni e le difficoltà con cui i neogenitori si scontrano ogni giorno.

Inoltre aiuta a combattere contro quella solitudine che tanto spesso ci sentiamo riferire dalle mamme, una volta tornate a casa con il neonato - ci dice Baldini -. Sapere che esiste un sostegno in ospedale, dove se vuoi puoi ritornare per chiedere aiuto è il primo passo per non essere spaventati da questa nuova esperienza”, ma per godersela appieno: per poter avere, insomma, una maternità “coi fiocchi”.