14 marzo- giornata del rene: i consigli del nefrologo

 Giornata mondiale del rene

La malattia renale cronica consiste in una progressiva riduzione della capacità del rene di eliminare le scorie e interessa il 10% della popolazione, in modo più o meno grave.
È una patologia "silenziosa" e, nella sua fase iniziale, non presenta sintomi specifici che danno indicazione di un mal funzionamento del rene. Per essere diagnosticata necessita quindi di tutta l'attenzione del medico e anche del paziente.
Bisogna fare attenzione a patologie preesistenti, come diabete e ipertensione che possono dar luogo alla malattia renale e ai segnali d'allarme, come un improvviso gonfiore delle gambe.
Attenzione anche all'alimentazione: no al troppo sale e all'eccesso di proteine, sì invece ai liquidi.
È inoltre consigliabile rivolgersi al medico generale per tenere sotto controllo la pressione arteriosa ed eseguire, almeno una volta all'anno, un esame delle urine.


Mantieniti in forma e stop al fumo

L’attività fisica regolare aiuta a prevenire il sovrappeso e a controllare la pressione arteriosa e perciò riduce il rischio di malattia renale. È sufficiente camminare per pochi km ogni giorno (scendendo ad esempio dai mezzi di trasporto alcune fermate prima della meta), fare le scale a piedi, pedalare sulla cyclette di casa per 15-20 min. Il fumo è una delle principali minacce per la salute delle arterie e per il buon funzionamento dei reni (che sono costituiti per il 50% da vasi sanguigni) oltre ad essere cancerogeno. 
 

Controlla regolarmente la glicemia

Nei paesi occidentali circa la metà delle persone che sviluppano una malattia renale hanno il diabete. È importante controllare la glicemia con regolarità e mantenerla nei limiti giusti. 


Controlla la pressione del sangue e riduci il consumo di sale

Dopo il diabete la causa più frequente di danno renale è la pressione del sangue elevata. Il livello di pressione normale è 120/80. La pressione alta è particolarmente dannosa per i reni quando è associata ad altri fattori come il diabete, il colesterolo elevato e le malattie cardiovascolari. 


Mangia sano e controlla il peso

Alcune semplici regole possono essere facilmente adottate. Mangiare frutta e verdura in abbondanza: sono alimenti che hanno poche calorie, tanto potassio e vitamine antiossidanti. Consumare almeno un pasto al giorno a base di cereali come pasta, riso, farina di mais, pane sia comuni che integrali. E soprattutto mantenere l’apporto calorico proporzionale ai consumi individuali, evitando di ingrassare. Attenzione alle fonti nascoste di calorie: bevande zuccherate, caramelle, dolci, alcolici. 


Meno proteine animali

Consumare almeno 2 volte la settimana legumi (ceci, fagioli, fave, lenticchie, lupini, piselli, soia) come fonte di proteine. Ridurre, invece, il consumo di proteine animali come quelle contenute nella carne, affettati, uova, formaggi e latticini. Introdurre più pesce nella dieta: è una fonte proteica da preferire in virtù delle proprietà anti-arteriosclerotiche del pesce, che paradossalmente, più è grasso e meglio è. 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.