GLI ANTISTAMINICI, come funzionano?

 

Gli antistaminici vengono principalmente usati per alleviare, prevenire o curare i sintomi causati da reazioni allergiche di diversa origine.

In particolare sono indicati nel raffreddore allergico e nell’orticaria.

Agiscono riducendo la secrezione e la congestione nasale e soprattutto diminuendo il numero di starnuti e bloccando la lacrimazione continua. 

Stop agli effetti dell’istamina

Quando le mucose del nostro apparato respiratorio (naso e bronchi) o di quello gastroenterico vengono a contatto con  un allergene (sostanza responsabile dell’allergia) cui siamo sensibilizzati si ha  il richiamo e l’attivazione di particolari cellule, dette mastociti, che liberano grandi quantità di istamina.
Essa si riversa su specifici recettori (strutture appartenenti al sistema nervoso, che servono a consentire la trasmissione di un messaggio) determinando la produzione  di secreto mucoso e di  starnuti e l’insorgenza di prurito nasale, oculare o cutaneo, di  eritemi diffusi, o di edemi  (gonfiore) locali  per aumento della permeabilità capillare.
In soggetti asmatici provoca anche gravi broncocostrizioni. La somministrazione di antistaminici, bloccando questi recettori, rende inutilizzabile l’istamina che ben presto  viene eliminata senza poter causare più disturbi.  

Un brutto quarto d’ora

L’azione del farmaco si ha generalmente dopo 15-30 minuti dall’assunzione e raggiunge l’effetto massimo entro 1 o 2 ore. I nuovi antistaminici hanno un’emivita molto lunga e la loro azione dura perciò fra le 12 e le 24 ore, consentendone la somministrazione una volta al giorno. Dopo la loro assunzione, pertanto, si ha in breve tempo una riduzione dei sintomi nasali e del prurito cutaneo. 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

STRUTTURE SANITARIE
Allergologia e immunologia