Niguarda 1939: il "contest" delle statue

I due grandi gruppi scultorei che vediamo tutti i giorni ai lati dell’entrata principale nascondono una storia di rivalità fra maestri della scultura.

Innanzitutto chiariamo chi sono i personaggi, ovvero le statue: il gruppo di sinistra (in foto) vede Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti regalare un simbolico modellino dell’antico Policlinico al Papa Pio II. In effetti furono gli Sforza a finanziare l’antico ospedale.

Il secondo gruppo scultoreo vede San Carlo Borromeo che porta la bolla del perdono ai deputati del Comitato Ospedaliero, sempre in riferimento all’apertura del nostro “genitore”, il Policlinico.

Due gruppi scultorei uguali per molti versi: tre figure, una ecclesiastica, contrapposta a due laici.
Altre due metri e 75, in marmo di carrara.

Anche il tema di fondo è uguale: la carità
In uno la carità materiale, dove gli Sforza donano il progetto del filarete a Pio II
Nell’altro, quella spirituale, dove San Carlo Borromeo consegna la bolla papale del perdono ai deputati ospedalieri.

I due scultori però, Arturo Martini e Francesco Messina, erano due noti antagonisti nella scena artistica milanese. Si contesero a lungo la cattedra di scultura all’Accademia di Brera, che poi ottenne Francesco Messina.
Addirittura nel 1938, alla prospettiva di lavorare insieme per il San Carlo, Martini aveva proclamato: “O lui o io!

Quando furono chiamati a realizzare i due gruppi scultorei “gemelli” del futuro Niguarda, fu "guerra aperta".
Si trattava di una gara e non ho fatto economia di niente” dirà infatti Martini alla moglie.

Per fortuna la rivalità si espresse in entrambi i casi in un enorme sforzo fisico e artistico: insomma ce la misero tutta.

Scriveva sempre Martini: “Ora ho cominciato il lavoro in marmo per l’ospedale e non perdo tempo in nessuna maniera, lavoro, lavoro, lavoro

Ognuno secondo il proprio stile. Realistico e dettagliatissimo Francesco Messina, fantasioso e trasognato Arturo Martini.

Per maggiori approfondimenti, clicca qui..>>
 

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.