> LEGGI TUTTE LE NEWS DEL CANCER CENTER

Per i pazienti

Per affrontare la malattia è importante essere informati

In questo spazio ti raccontiamo come possiamo aiutarti.
Terapie e tecnologie
Condividere le terapie con ogni persona che affronta il percorso...
+scopri di più
Specialisti e percorsi dedicati
Per curare al meglio è fondamentale la collaborazione tra lo staff oncologico...
+scopri di più
Continuità della cura
Preservare la qualità della vita anche durante le terapie e le eventuali complicanze che...
+scopri di più
Accoglienza e storie di vita
Pensare a dopo la malattia con l'aiuto dei volontari...
+scopri di più
video cancer center
Intervista al Dott. Salvatore Siena
Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’Ospedale Niguarda.
SEMINARI E CORSI
Monitoraggio e preventioni di eventi cardiologici durante la terapia oncologica anti-VEGFR

28 Maggio 14.15 - 15.15

Excursus di approfondimento della tematica  

 Per informazioni: tel. 02 6444.2291

oncologia@ospedaleniguarda.it

Focus sul tumore del polmone 2019

16 Aprile 13.00 - 18.00

Evento scientifico

Iscrizione Obbligatoria.  Per informazioni: tel. 02 6444.2821- 351 577 4897 lun-ven:10.00-13.00/14.00-16.00

fondazione.oncologia@ospedaleniguarda.it

Carcinoma a sede primitiva ignota: cosa è cambiato oggi nella diagnosi e nella terapia?

12 Febbraio 14.15 - 15.15

Verranno illustrati i progressi nell' approccio diagnostico e terapeutico delle neoplasie a sede primitiva ignota.

Per informazioni: 02 6444.2291 oppure oncologia@ospedaleniguarda.it

STORIE DEI NOSTRI RICERCATORI
Fondazione Oncologia Niguarda Onlus pensa gli specialisti di domani

Uno degli obiettivi che più sta a cuore a Fondazione Oncologia Niguarda Onlus è la preparazione dei giovani medici del Niguarda Cancer Center in modo che possa essere la più ampia e solida possibile.

LE STORIE DEI NOSTRI PAZIENTI
LEGGI TUTTE
“La malattia ti toglie tanto, ma ti insegna anche molto. Racconto la mia vicenda perché possa essere d’ispirazione per chi si trova a lottare contro la malattia. Perché anche quando ti ritrovi nel baratro più profondo, c’è sempre una finestrella aperta.”