Adenoma dell'ipofisi, se il direttore d'orchestra incespica

Ha le dimensioni di un pisello e si trova alla base del cranio. E' piccola ma con tante funzioni importanti. L’ipofisi è una ghiandola “taglia small” ma con un impatto “extra-large” sulle funzioni del nostro organismo: non solo produce ormoni fondamentali quali l’ormone della crescita, la prolattina, cioè l’ormone che stimola la produzione di latte dopo il parto, ma regola anche il funzionamento di tutte le altre ghiandole endocrine del corpo, quali la tiroide, le ghiandole surrenali, i testicoli nell'uomo e le ovaie nella donna. Insomma il suo funzionamento detta i ritmi del nostro complesso sistema endocrino. E' veramente un direttore d'orchestra formato mignon.


Le disfuzioni dell'ipofisi

Le disfunzioni ipofisarie, caratterizzate da una ridotta produzione ormonale, possono indurre sintomi a volte aspecifici, quali disturbi visivi, nausea, cefalea e affaticabilità.  Alcuni dei sintomi, possono, inoltre, “mimetizzarsi” ed essere erroneamente attribuiti ai processi fisiologici dell'invecchiamento, come ad esempio l'irregolarità o la scomparsa del ciclo mestruale nella donna nel periodo della menopausa, l'impotenza e i disturbi dell'erezione negli uomini.


I tumori dell'ipofisi

Le disfunzioni dell’ipofisi sono dovute nel 90% dei casi a tumori. “Nonostante siano rari, con una prevalenza stimata, di 70-100 casi su 100.000 individui, rappresentano il 10% di tutte le neoplasie intracraniche- ci spiegano gli endocrinologi- . Tali tumori molto raramente (solo nello 0,2 % dei casi) sono dei carcinomi. Nel rimanente 99,8% si tratta di tumori benigni, gli adenomi, tipici dell'età adulta e avanzata”.


Gli adenomi

Gli adenomi dell'ipofisi possono essere secernenti o non secernenti. “Nel primo caso si hanno  malattie correlate al tipo di ormone prodotto. Tra queste la sindrome di Cushing dovuta ad un eccesso di ACTH che induce ipersecrezione di cortisolo da parte del surrene o l’acromegalia dovuta a un eccesso di ormone della crescita.- indicano gli endocrinologi-. Per quelli non secernenti i problemi principali possono essere dovuti alla crescita dell’adenoma e alla compressione delle strutture circostanti, fra queste, le più a rischio sono le strutture visive”. In particolare, in presenza di adenomi voluminosi la normale produzione ormonale ipofisaria può essere compromessa, così si rende necessaria una terapia ormonale sostitutiva.


Il trattamento per i tumori ipofisari

In caso di diagnosi di tumore ipofisario, la scelta del trattamento dipende dalle dimensioni, dal tipo di ormone prodotto e dall’eventuale iperproduzione. “L’approccio terapeutico di elezione può essere la neurochirurgia. Si tratta di interventi molto delicati che richiedono competenza specifica da parte del chirurgo - spiegano gli specialisti- ”. Ci sono alternative al bisturi? “Fra i tumori ipofisari- rispondono-, i prolattinomi, sono condizioni in cui è preferibile una terapia farmacologica a quella chirurgica. Vi sono poi situazioni in cui la terapia medica può precedere l’intervento chirurgico ed altre nelle quali è sufficiente l’osservazione periodica dell’adenoma”.

Le informazioni medico-scientifiche pubblicate in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica.

VEDI ANCHE

STRUTTURE SANITARIE
Endocrinologia